Rosario Crocetta nel mirino della mafia


La mafia gelese stava preparando un attentato nei confronti del sindaco di Gela, Rosario Crocetta (Pdci). La notizia è emersa durante indagini condotte dalla Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta. I magistrati hanno accertato dell’esistenza del piano da intercettazioni effettuate negli ultimi mesi. Della vicenda i pm hanno subito informato il prefetto che presiede il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.L’inchiesta ruota attorno alla cosca degli Emmanuello: il capo del clan, Daniele Emmanuello, è stato ucciso il 3 dicembre scorso mentre tentava di sfuggire alla cattura nelle campagne dell’ennese.Il progetto di attentato emerge da un’intercettazione, effettuata dalla Squadra mobile di Caltanissetta nell’ambito delle indagini sulla cosca gelese. L’inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto, Renato Di Natale e dal pm della Direzione distrettuale antimafia, Nicolò Marino.La Dda nissena ha ritenuto di divulgare la notizia raccolta durante una indagine con intercettazioni ambientali e telefoniche, per mandare un chiaro messaggio a chi, negli ultimi giorni, stava architettando l’attentato nei confronti del sindaco antimafia: “Sappiamo tutto”. “Avevo avuto sospetti – dice Crocetta appena ha ricevuto la notizia – e per questo negli ultimi giorni non sono stato a Gela”.Già nel 2003 la mafia era in procinto di organizzare un attentato dinamitardo per uccidere Crocetta durante la processione dell’8 dicembre. Secondo quanto emerse in una intercettazione ambientale, per eseguire l’attentato sarebbe dovuto intervenire un commando di cui faceva parte anche un lituano che avrebbe dovuto operare “come le squadre di Corleone”.
Da allora prima la tutela e poi la scorta a Crocetta è sempre stata via via rinforzata e nell’abitazione privata del primo cittadino, oltre ad un servizio di vigilanza 24 ore su 24, sono state installate grate a porte, balconi e finestre. Nel novembre del 2005, altre minacce arrivarono a Crocetta. Una lettera con una croce nera e con un messaggio che faceva riferimento ad appalti, venne recapita in municipio.
Le solidarietà
“La mafia colpisce o tenta di colpire chi si frappone ai suoi interessi con azioni ed atti concreti”. Secondo il segretario regionale dei Comunisti italiani, Salvatore Petrucci, per il quale “la notizia della preparazione di un attentato al sindaco di Gela conferma ancora una volta l’assoluta aderenza dell’operato di Crocetta ai principi di legalità, trasparenza e buona amministrazione, ci richiama alla realtà di una mafia ancora in grado si organizzare attentati, seppure in difficoltà per i colpi inferti dalla magistratura e dalle forze dell’ordine”.
Anche il presidente della Commissione parlamentare antimafia, Francesco Forgione, ha espresso la propria solidarietà al sindaco di Gela. “Crocetta è da tempo – aggiunge – uno dei simboli migliori della Sicilia che vuole cambiare e la sua gestione ha rappresentato un duro colpo contro gli interessi delle cosche in quel territorio.L’attentato che era in preparazione contro di lui è l’ulteriore dimostrazione che provvedimenti seri nella prevenzione delle infiltrazioni mafiose nelle attività pubbliche sono molto temuti dalle cosche. Fortunatamente – conclude – le capacità investigative delle forze di polizia e della magistratura hanno messo in crisi tutto il sistema di Cosa nostra ed anche questo progetto è stato bloccato”.
“Solidarietà al sindaco di Gela, Rosario Crocetta”. La esprime in una nota il deputato regionale dell’Unione Rita Borsellino, dopo la scoperta che la mafia stava preparando un attentato nei suoi confronti.”È evidente – aggiunge – che l’impegno costante del sindaco Crocetta contro la criminalità organizzata dà fastidio alle cosche e ai loro interessi sul territorio”.
da lasiciliaweb.it
P.S. I compagni e le compagne del blog La Sinistra – L’Arcobaleno di Partinico augurano un buon compleanno a Rosario Crocetta, che oggi compie 57 anni.

Pubblicato il 8 febbraio 2008 su Rassegna stampa. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: