Documento politico


Da una lettura attenta dell’articolato e complesso  documento diffuso dall’UDC di Partinico, emerge con assoluta chiarezza lo stato di disagio politico-amministrativo di un Partito che ha sostenuto la candidatura dell’attuale Sindaco e a distanza di 18 mesi reputa necessario sottolineare con assoluta chiarezza l’inadeguatezza di una maggioranza rispetto ai più seri problemi della città. Scrive  l’UDC, e non si può non condividere questo severo giudizio, che “il governo della città appare, oggi, attestato su una piatta gestione del quotidiano e che necessita di un salutare rilancio e della conseguente riqualificazione politica ed amministrativa”. Appare del tutto evidente come ad un Partito come l’UDC di Partinico che si manifesta con autorevolezza nei confronti dell’Amministrazione comunale  in ragione soprattutto delle qualificate personalità che lo compongono, dei tanti giovani che lo sostengono, l’azione politico-amministrativa dell’attuale Giunta rappresenta, di fatto, un limite, un ostacolo alla soluzione dei tanti problemi che il documento solleva. E non sono problemi di poco conto: dall’inefficienza della macchina burocratica, alla scadente qualità dei servizi, all’esosità delle tasse cui non corrisponde un’ adeguata risposta per i contribuenti, al silenzio sul proliferare di una rete commerciale sovradimensionata, alla lotta alla mafia e  alle emergenze ambientali compresa la questione Bertolino. Insieme a questi anche altri problemi importanti quali la necessità di “un piano di fuoriuscita dall’APS”, la società che attualmente gestisce il servizio idrico nella nostra città cosi’ come un giudizio severo, seppur nelle righe, viene espresso sui meccanismi dell’uso del “ Potere locale”.

Ciò che il nostro Partito rileva anche come  estremamente positivo  è che il documento riporta alla ribalta il ruolo della “Politica” cioè  il ruolo dei Partiti rispetto alla proliferazione delle Liste civiche che sostengono che rappresentano una forte regressione nel sistema dei processi democratici della città. L’UDC, in tal modo, rimette in moto la macchina della “Politica locale” umiliata da una Giunta e da un Sindaco che concepiscono il governo come elemento della spartizione oltre che della divisione ed implicito portatore di qualunquismo e di annientamento del tessuto democratico. Infatti in questi 18 mesi l’Amministrazione Lo Biundo ha annullato anni di storia locale costruiti sul confronto delle opinioni, sugli incontri, sui dibattiti preferendo soltanto come luogo dell’azione politica il solo Consiglio comunale, sicuramente importante, ma non sufficiente per il rafforzamento della democrazia nella nostra città. E’ un ritorno alla politica, al ruolo dei Partiti, alla fine del personalismo e dell’arroganza del potere?

Partinico 1 febbraio 2010

Partito della Rifondazione Comunista – circolo “Peppino Impastato” Partinico

Pubblicato il 1 febbraio 2010 su Documenti. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: