Lettera al direttore di Tele Jato sul degrado del Parco del Castellaccio


Carissimo Direttore, come tu sai apprezziamo e sosteniamo la tua battaglia di denuncia quotidiana dello stato in cui l’Amministrazione Lo Biundo  lascia all’incuria colpevole e all’abbandono   le nostre periferie, il nostro verde, i beni di proprietà comunale che sono tanti. Ieri ho seguito con apprensione e costernazione il tuo servizio sul quello che come Giunta del Sindaco Gigia Cannizzo  inaugurammo nell’estate del 1999  chiamandolo “il Parco del Castellacio” per la presenza di un importante bene, oggi un rudere, che fu il Castello alle falde della Collina Cesarò. Sono note a tutti le decennali battaglie dei comunisti di Partinico per strappare quel pezzo di terra preziosa dalle mani della speculazione edilizia mettendolo a disposizione della nostra città  e dunque dei suoi cittadini. Lo stato in cui è ridotto ora grida vendetta e proprio questa mattina, ritornando sui luoghi ho constatato, insieme ad un giovane che ha scelto quel posto  per allenarsi, come sia ridotto quel bene patrimonio di tutti. E mi sono chiesto quali diritto avessero gli  amministratori, che pur dispongono di una notevole platea di dipendenti, di lasciare in quello stato la nostra città e i suoi beni. Tuttavia ti scrivo perché nel servizio di ieri tu avevi fatto riferimento alla mancanza dell’ulivo che come Rifondazione Comunista di Partinico il 25 aprile 2007, anniversario della Liberazione, quell’albero abbiamo piantumato dedicandolo alla memoria di Peppino Impastato. Dicevi che l’albero non c’era più. Ho constatato, al contrario e con mio grande compiacimento  che quel piccolo ulivo che stenta a crescere per mancanza di irrigazione soprattutto in estate, tuttavia resiste anche se immerso in un mare di arbusti che ne impediscono  il normale  sviluppo. Quell’ulivo  resiste ancora, non vuole morire come intendiamo resistere noi e come, penso, vogliano fare le tante persone per bene di questa nostra città compresa, ovviamente, Tele Jato e chi la guida e ciò anche a prescindere del l’attuale Amministrazione comunale.

Ti ringrazio per l’ospitalità , Toti Costanzo.

Partinico 26 giugno 20010


Pubblicato il 26 giugno 2010 su Documenti. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: