Interessi sul Piano Regolatore Generale


Egr. Direttore Maniaci,

noi non sappiamo se la persona  che ieri ha inviato all’emittente una nota carica di astiosità  nei confronti non solo  del nostro Partito ma più platealmente nei confronti dell’ex Sindaco Gigia Cannizzo a proposito della revisione del Piano regolatore Generale, sia la stessa dell’Assessore D’Amico perché siamo sicuri che trattasi di soggetto diverso.

In caso contrario davvero dobbiamo pensare come la gratitudine sia un sentimento assolutamente sconosciuto all’Assessore, la cui esistenza politica e di alcuni suoi sodali, oltre che le loro personali fortune, le devono  ad un Sindaco che li prelevò da un limbo nel quale la società partinicese li aveva storicamente e socialmente  relegati. Noi difendiamo Gigia Cannizzo perché ne conosciamo l’elevatezza morale, lo straordinario bagaglio culturale, l’onesta intellettuale, tutte qualità che non albergano in quanti oggi governano la nostra città. E tra questi D’Amico. Difendiamo Gigia ma non il nostro Partito che notoriamente all’Assessore  non risponde per ovvie quanto comprensibili ragioni. Noi, caro Direttore,  abbiamo una rigorosa regola:  i nostri avversari devono sempre essere del nostro stesso livello politico e soprattutto culturale in caso contrario preferiamo rivolgere altrove le nostre attenzioni. E non si tratta, ovviamente, né di presunzione né di mancanza di riguardo per le persone. Si tratta di ben altro. Tuttavia dobbiamo ammettere   come la dott.ssa Cannizzo durante la sua sindacatura ebbe a commettere un  gravissimo errore politico di valutazione tra cui quello assai grave di non avere compreso – come in verità non lo comprendemmo neppure  noi –  le vere ragioni che spingevano alcuni  artigiani a trasformarsi, nel giro di qualche anno, da Movimento per lo sviluppo dell’impresa artigiana locale  in qualcosa di assai diverso. Questo avveniva  a scapito di un progetto al quale anche noi avevamo per decenni creduto e  che era quello di utilizzare  285 ettari, cioè l’intera area di contrada Margi destinata dal Piano Regolatore che volle Gigia Cannizzo, soltanto per lo sviluppo della nostra imprenditoria locale. Pensavamo allora  esattamente quel che pensavano gli amministratori di Alcamo che si sono guardati bene dal fare saccheggiare il loro territorio dagli affaristi lombardi in combutta con quelli del luogo. All’Assessore D’Amico sarebbe per  noi  facile chiedergli conto e ragione – e noi ovviamente lo faremo in altro momento – del suo operato, di quel che avviene – ad esempio – all’interno delle aree interessate dai  tanti Piani di lottizzazioni approvati ed oggetto di gravissime speculazioni che lui tollera, in quelle  particolareggiate e dunque oggetto di varianti soltanto per opera del Consiglio comunale e non della Giunta come le aree di edilizia economica e popolare che si vogliono stravolgere insediando quel che non si può e non si deve, le aree  di proprietà comunale su cui ogni giorno di più si estende il possesso di clienti elettorali di questa Amministrazione, il miliardo destinato dalla Regione alla realizzazione dell’Isola ecologica, il progetto di bonifica dell’ex discarica di Valguarnera, la realizzazione della discarica per inerti al ponte Finocchio. E potremmo continuare mettendo in serio imbarazzo l’Assessore il cui  interesse primario non  coincide con quello della stragrande maggioranza dei nostri concittadini quanto in quello che si sta sviluppando  a distanza di pochi chilometri dalla nostra città lungo l’asse viario Partinico-Alcamo e al quale lui è fortemente interessato. E’ vero, ha ragione la dottoressa Cannizzo: la revisione del Piano Regolatore Generale si sta concretizzando sotto traccia e nel silenzio perché altri affaristi, compresa la vecchia e nuova mafia, possano trarne vantaggio. Affaristi sicuramente, clienti, se non direttamente interessati, di questa Amministrazione comunale che li userà nella prossima campagna elettorale a sostegno di un progetto di squallido e squalificato Governo della città.

Partinico 21/10/2011

Partito della Rifondazione Comunista

Circolo “Peppino Impastato” – Partinico

Pubblicato il 21 ottobre 2011 su comunicati stampa. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: